30 novembre 2007

Dance I dead - Foy

"Era il 2000 quando, senza saperlo, la mia mente abbracciava un genere musicale a me molto caro: la dance. Allora c'era una ragazza, c'erano le superiori, e c'era Komodo di Mauro Picotto: solo tempo dopo mi sono reso conto che quella canzone era l'unica cosa che io e quella ragazza avessimo in comune. Ovviamente quella ragazza l'ho lasciata.
Allora erano gli anni di Gigi d'Agostino, di Mauro Picotto, degli Eiffel 65: l'Italia dominava l'Eurodance. Ma per me la dance di quegli anni non era musica da ballare: il suo ritmo mi piace, e mi piace il sottofondo che diffonde nei momenti di tranquillità. Purtroppo ero troppo giovane per essermi goduto le canzoni dei periodi precedenti, e il fuoco della dance si spense qualche anno dopo con le ultime scintille bruciate verso il 2003. Era tempo di house, di tecno, di afro... Sti giovani malati!
Il mio nastrone vuole essere un particolare e personale viaggio all'indietro nel tempo: dal 2002 al 1999, le canzoni simbolo del breve lasso di tempo in cui la musica divenne il contorno delle mie giornate. Per concludere ho aggiunto Children di Robert Miles, un capolavoro del genere, riconosciuto da chiunque, sia da chi ha apprezzato e apprezza il genere, e sia da chi all'inizio del testo ha detto "Eiffel 65? Bleah!" "
Foy
  1. Datura - Will be one (2002)
  2. Safri Duo - Played-a-live (the bongo song) (2001)
  3. Fragma - Reach out (2001)
  4. Crw - After the rain (2001)
  5. Floorfilla - Anthem #3 (2000)
  6. Carolina Marquez - Bisex Alarm (2000)
  7. Prezioso feat. Marvin - Voices (2000)
  8. Mabel - Bum Bum (2000)
  9. Rollergirl - Luv U More (2000)
  10. Mauro Picotto - Komodo (2000)
  11. Gigi d'Agostino - Kaliya (2000)
  12. The Chemical Brothers - Hey girl, hey boys (1999)
  13. Kim Lucas - All I really want (1999)
  14. Underfish - Acid Music (voice mix) (1999)
  15. Alice Deejay - Better off alone (1999)
  16. Eiffel 65 - Blue (1998)
  17. Robert Miles - Children (1996)






Ho notato che le playlist di Deezer non vanno molto bene negli ultimi tempi. Mi scuso per l'inconveniente. Pare che ci siano problemi tecnici a me oscuri (si vocifera circa *qualche* bug). Se avete delle news contattatemi. Grazie.

3 commenti:

letchnick ha detto...

la penso esattamente come te!!
hai perfettamente ragione!!

Anonimo ha detto...

Ma la vera eurodance è quella del periodo tra il 1990-1996, quando i suoni erano pacati, dopo il 96 c'è stata la dance che ha portato al degrado di oggi!

Anonimo ha detto...

Grande!!!Sono proprio giuste lel tue parole! Io franquentavo ancora le medie, ma già sperimentavo le prime registrazioni(mixate) dallo stereo alla musicassetta dalle radio locali(bum bum energy in primis), compravo le hitmanie dance..nn frequentavo ancora le discoteche(nn cm ogg ke iniziano già a 13/14 anni), però ascoltavamo la musica a scuola, durante le ore di sport, con gli amici, alle piccole feste...e c'era il walkman, con quelle cuffie "a cerchiello" che diffondevano il suono dei quei tempi, che accompagnavano quei grandi anni DANCE...A.87